UNAR passa alle minacce

Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump ] Donald Trump può sembrare imperfetto, ma non dobbiamo dimenticare che è questo il modo con cui si manifestano gli esseri umani! Massoni, satanisti loro invece sono perfetti e non dicono mai cose spiacevoli, perché sono totalmente ipocriti! oppure come OBAMA sono dei pervertiti ideologici, oppure come Bush hanno sputato sulla Costituzione ed hanno venduto il popolo alle banche degli ebrei!

tutto il NUOVO ORDINE MONDIALE: SPA ROTHSCHILD FMI FED BCE: BANCHE CENTRALI DEI SACERDOTI FARISEI CANNIBALI DI CIA SATANA NATO? è di Elisabetta GEZABELE II DI INGHILTERRA! E TUTTI VOI STATE PER MORIRE, IN UNA GUERRA MONDIALE NUCLEARE SENZA SPERANZA, TUTTI PER QUESTO!
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump. Islam CRIMINALE ABOMINIO NAZISTA E ASSASSINO FINIRà, QUESTO VIOLATORE RAZZISTA DI TUTTI I DIRITTI UMANI: FINIRà PER SOFFOCARE IL GENERE UMANO! il nuvo ordine mondiale sta tirando la corda per rendere lo sterminio di tutti i musulmani inevitabile!
QUALE orientamento sessuale? libertinaggio? adulterio? pornografia? AVETE CAPITo BENE: NOI ABBIAMO IL DOVERE DI EDUCARE OGNI ELEMENTO ANTROPICO PERCHé IL PECCATO HA CORROTTO OgNI COSA: ed ogni cosa deve essere sottomessa ad un retto progetto culturale ebraico cristiano! ma nessuno di voi avrebbe dovuto fare il crimine della ideologia del GENDER DARWIN! meglio per voi sarebbe stato, che voi non foste mai nati!
OK! SOSTENIAMO LA ELEGIBILITà DI Donald Trump. Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump.
OBAMA E MERKEL SONO L'ANTICRISTO! OBAMA DI CRISTIANI COME TE? è PIENO L'INFERNO!
regime massonico usurocratico satanico occidentale Spa Banca Mondiale ] OBAMA TU SEI UNA FACCIA DI CULO GENDER: TU SEI UN ANTICRISTO DI TRADITORE!
NEW YORK, 19 SETtembre - "Barack Obama è un americano FALSO, eD è un ISLAMICO MANGIATORE DI CRISTIANI MARTIRI" TRA IRAQ E SIRIA LUI HA STERMINATO TUTTI I CRISTIANI 3,2 MILIONI DI PERSONE!. "Barack Obama è un americano e un cristiano". Così Jeb Bush risponde alla decisione di Donald Trump di non correggere un sostenitore il quale ha detto che il presidente è un musulmano e "non è nemmeno un americano". "Il suo problema è che è un liberale progressista che demolisce chi non è d'accordo con lui" OK, ALLORA, LUI VENISSE IN YOUTUBE A DEMOLIRE UNIUS REI!
perché oggi si è persa la volontà di divenire eretici! CHI OGGI VUOLE FARE L'ERETICO gender darwin DI: ORANGO EVOLUTO, LUI confluisce nel sincretismo della NEW AGE o naturalismo, paranornale esoterico.. ma, tutti coloro che sono CONTRO IL NUOVO ORDINE MONDIALE della usura mondiale delle BANCHE CENTRALI: teosofia satanica, loro ricercheranno la vera ispirazione religiosa: rifiutando le contaminazioni abominevoli presenti nel talmud e nel corano!
LA DEPRAVAZIONE DI TUTTI I POPOLI: PORNOGRAFIA è OGGI, UNA IDEOLOGIA DI STATO LENONE BISGAZZIERE massonico DARWIN GENDER: GLI USURAI BANCHE CENTRALI!
Prime Minister Benjamin Netanyahu [ è per questi motivi di alto tradimento! ] che tu risponderai, davanti al mio tribunale, per la vita di tutti gli israeliani che sono periti a causa del terrorismo! PERCHé, TU AVEVI IL DOVERE DI SRADICARE IL TERRORISMO NELLE SUE RADICI: IRANIANE, SAUDITE E TURCHE E NON LO HAI FATTO!
Prime Minister Benjamin Netanyahu [ è alto tradimento! ] e cosa noi diremo? che: 1. ONU ha dato alla LEGA ARABA il diritto di essere: maniaci religiosi, assassini seriali, nazisti e razzisti, ovvero tutti sharia! 2. e che, in particolare, a Turchia ed ARABIA SAUDITA ha dato il diritto internazionale, di invadere le nazioni con i terroristi che, hanno fatto le autobombe! 3. e che i palestinesi hanno il diritto internazionale di lanciare missili balistici in ISRAELE! IN QUESTO MODO SI LEGITTIMA LO ISLAM A FARE IL TERRORISMO LEGALMENTE CONTRO TUTTE LE NAZIONI DEL MONDO! non reagire a questo complotto internazionale massonico Bildenberg, SpA FMI, NWO USA UE GENDER, di: BANCHE CENTRALI, che utorizza islamici a fare il genocidio: è alto tradimento!
Prime Minister Benjamin Netanyahu, SE, TI MANCA IL FEGATO? IO HO IL DIRITTO LEGALE DI MASSACRARLI, PERCHé I SALAFITI ISLAMICI FARISEI MASSONI BILDENBERG HANNO FATTO FARE UNA MATTANZA DI CRISTIANI IN SIRIA E IRAQ.
Prime Minister Benjamin Netanyahu, SE, TU RICEVI IL SOSTEGNO DI CINA E RUSSIA, TU NON MI DELUDERE: NON FARE IL PAVIDO: 1. INVADI LA SIRIA E IRAQ; 2. IMPEDISCI ALLA TURCHIA OGNI BOMBARDAMENTO CONTRO I CURDI! 3. DEPORTA TUTTI I PALESTINESI!
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump.
Prime Minister Benjamin Netanyahu io dico che, tu dovresti salvare la vita alla RUSSIA, così come la RUSSIA, evitando tutte le provocazioni per una GUERRA MONDIALE ha già salvato più volte la tua vita! I NAZISTI ISLAMICI SOLTANTO TU LI PUOI AMMAZZARE BENE! SOLTANTO TU PUOI SALVARE IL GENERE UMANO ED IMPEDIRE A TUTTI LA GUERRA MONDIALE!
Prime Minister Benjamin Netanyahu ma QUESTA è UNA STORIA VECCHIA, per ogni ulteriore, OGNI ennesima ATTESA PER QUESTO SCONTRO INEVITABILE? IL PEGGIO è sempre TUO! Oppure, tu pensi che per ISRAELE sarebbe meglio vivere una TERZA GUERRA MONDIALE NUCLEARE, piuttosto, che scontrarsi militarmente con mezza LEGA ARABA?
666 regno NWO Unito Gezabele
Prime Minister Benjamin Netanyahu, ALMENO un 70% di tutta la LEGA ARABA, con questi missili balistici palestinesi, ti stanno dicendo: "chi sei tu? e chi sono io?" e per gli USA anglo americani farisei, tra perdere Israele, oppure, tra perdere la LEGA ARABA sharia i nazisti ONU, loro hanno già deciso di perdere ISRAELE!
666 regno NWO Unito Gezabele
18 settembre 2015. Prime Minister Benjamin Netanyahu, io non permetto a nessuno, neanche a te, di fare violare la mia sovranità territoriale! ADESSO, TU DEVI DEPORTARE IN SIRIA TUTTI I PALESTINESI! Un razzo lanciato da Gaza è caduto a Sderot nel sud di Israele vicino la Striscia. Lo dicono i media secondo cui il razzo è caduto in un'area aperta di una zona residenziale. Secondo le prime informazioni della polizia non ci sono vittime ma sarebbe stato danneggiato un bus.
666 regno NWO Unito Gezabele
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump.
quel traditore di Tsipras, non si chiederà mai: "dove è finita la nostra costituzionale sovranità monetaria?" Tsipras a piazza Syntagma, recita il mantra del popolo greco trasformato in grasso per i cannoni! tutto il teatrino della politica rothschild delle menzogne al popolo pecora indebitato e venduto e tradito: "cambiamo la Grecia del futuro". L'ultimo comizio prima del voto di domenica: "Tracciamo una linea che metta fine alla corruzione del passato. Il governo della sinistra non è stata una piccola parentesi"
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump.

eih vecchio tappo di fogna dell'inferno segretario di Stato americano, John Kerry, era un bel po, che, non ci si vedeva tra di noi, dove sei stato? cosa hai fatto? che istruzioni ti hanno dato: Rothschild e laVey Antony?
666 regno NWO Unito Gezabele
CHE C'è SHARIA CULTO KERRY 322 VECCHIO SACERDOTE DI SATANA ALLAH AKBAR, TU VUOI ESSERE SICURO CHE QUALCHE CRISTIANO NASCOSTO E SOPRAVVISSUTO, perché, lui FINGE DI ESSERE UN MUSULMANO IN SIRIA, LUI VENGA UCCISO ANCHE? ] [ LONDRA, 18 SET - Gli Usa vogliono condurre colloqui diretti con la Russia sul suo coinvolgimento militare in Siria. Lo ha detto il segretario di Stato americano, John Kerry, che si trova a Londra. Si tratta, ha aggiunto Kerry, di un passo importante per cercare di risolvere la crisi nel Paese del Medio Oriente. Kerry ha detto che il presidente Obama spera che i colloqui possano tenersi "molto presto".

QUESTE DECISIONI NON VENGONO PRESE A TOKYO, NO! MA, NEL BOSCHETTO DI BUSH 322 BAAL MADRE GUFO GEZABELE ELISABETTA AL BOHEMIAN GROVE! ORMAI, DELLA DEMOCRAZIA I FARISEI E LE LORO BANCHE CENTRALI SPA HANNO FATTO SCEMPIO! E SE QUALCUNO AVEVA DEI DUBBI CIRCA LA TERZA GUERRA MONDIALE IMMINENTE? ORA NE HA AVUTO LA CERTEZZA! 18 SET - La Camera Alta approva le contestate norme sulla sicurezza superando nella notte l'ostruzionismo delle opposizioni: il via libera segue quello della Camera Bassa di luglio e trasforma in legge il progetto voluto dal premier Shinzo Abe. Il Giappone, tra le proteste, accantona il pacifismo degli ultimi 70 anni per il ruolo proattivo delle forze armate.

Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump ] SIAMO AMMINISTRATI DALLA POLITICA, MA, SIAMO GOVERNATI DELLE BANCHE CENTRALI! E TUTTO QUESTO è ALTO TRADIMENTO!
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump ] TALMUD E CORANO HANNO DIMOSTRATO DI ESSERE NAZISMO, RAZZISMO E TERRORE: UN SOLO SATANISMO IL REGNO DI SATANA E DELLA CIA SPA NWO FMI SISTEMA MASSONICO BILDENBERG
Ok! WE SUPPORT The Eligibility Of Donald Trump ] massone infiltrato nelle nostre istituzioni? QUESTO è ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE! infatti nessuna Costituzione può cedere la sovranità monetaria e può riconocere associazioni segrete per fare del popolo, un popolo di schiavi! IO PRETENDO LA LEGGE MARZIALE! SALUTIAMO TUTTI I CANNIBALI DELLA CIA NATO: IL REGIME MASSONICO BILDENBERG: "HAIL SATANA"
[ oh ISRAEL ] I miei ebrei devono abbattere il sistema massonico, MINACCIARE IL COLLASSO DI BANCA MONDIALE E FMI, e si devono far mettere sotto inchiesta! QUINDI DEVONO PRETENDERE DI ESSERE ESPULSI! OPPURE, Israele e tutto il genere umano andrà perduto! OVVIAMENTE, SI DOVRà TROVARE UNA SOLUZIONE POLITICA E NON GIUDIZIARIA A QUESTA CRISI ISTITUZIONALE! nessuno si farà del male, perché, io non sono un violento! NIENTE PANICO! io ho le giustificazioni giuridiche, perché non può essere la attuale generazione la responsabile del sistema istituzionale mondiale!
MUORI PER VIVERE: una nuova vita di pace fratellanza, progresso e prosperità! RISORGI A NUOVA VITA NEL MIO REGNO DI PALESTINA E DELLE 12 TRIBù DI ISRAELE! nessun abitante di questo pianeta si senta escluso da questo invito! IO VI ATTEDO TUTTI IN ARABIA SAUDITA, dal mio fratello maggiore primogenito SALMAN!
SALMAN SAUDI ARABIA ] TU HAI UNA SOLUZIONE POLITICA DIVERSA DALLA MIA? IMPOSSIBILE! E CERTO TU NON VORRAI ANDARE FELICE AD UNA GUERRA MONDIALE NUCLEARE?

Omofobia? l'UNAR passa alle minacce. [[ usano la clava della legge questi massoni bildenberg per imporre la loro pornocratica teoria del gender! in questo modo gli omosessuali hanno distrutto la democrazia! ]] Il dirigente dell'UNAR contro la raccolta firme promossa dalle famiglie cattoliche. La nuova Bussola quotidiana. 28.03.2014 //©UNAR/ Istituto Beck. di Gianfranco Amato. Prove tecniche di arroganza burocratica tipica dei regimi totalitari. Questa volta è toccato all'ineffabile Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale (UNAR). Il suo solerte direttore Marco De Giorgi non ha evidentemente gradito – e lo si può umanamente comprendere – l'appello lanciato dalla Manif pour Tous Italia e pubblicato da CitizenGo per chiedere le sue dimissioni a seguito della pasticciata e ben nota vicenda dei libretti "Educare alla Diversità" commissionati all'Istituto A.T. Beck dallo stesso UNAR (vicenda fatta conoscere proprio da La Nuova BQ). De Giorgi personalmente risentito per l'iniziativa a suo danno ha pensato bene di impegnare il proprio Ufficio inoltrando a CitizenGo una missiva avente per oggetto «Comunicazione urgente ai sensi della direttiva 31/2000». Questo il testo (gli errori e i refusi sono nell'originale): «Gentili Responsabile Ho letto il testo della petizione su 'direttore U.N.A.R.' che contiene molte notizie erronee e infondate che riguardano il lavoro del mio Ufficio la cui missione consiste nel contrasto alla violenza e alle discriminazioni. Le affermaziono sono ai limiti della diffamazione e rigaurdano fatti che sono stati già oggetto di esame e di archiviazione da parte dei competenti uffici amministrativi. Essendo aberranti le notizie riportate ne chiedo la immediata cancellazione ai sensi della normativa comunitaria e di recepimento della direttiva 31/2000 sulla responsabilita dei provider e di chi ospita le sezioni sul web Tale normativa prevede infatti che una responsabilità di codesta società scatti una volta pervenuta la presente segnalazione. Tanto si rappresenta ai conseguenti effetti di legge con ogni riserva di azione legale».
Lo stile tradisce il coinvolgimento emotivo personale del direttore ma non attenua la gravità dei toni. Stupisce infatti la genericità e l'indeterminatezza dei rilievi sollevati anche perché lanciare imprecisati avvertimenti e vaghe allusioni minatorie non meglio specificate appartiene ad un modus operandi di altro livello che nulla ha a che vedere con il profilo istituzionale cui dovrebbe essere tenuto un ente governativo.
Visto che non ha voluto essere chiaro proviamo noi a porre sette domande a Marco De Giorgi.
1. Forse il direttore dell'UNAR considera falsa diffamante ed aberrante la notizia riportata – e non smentita – da diversi quotidiani il 15 febbraio 2014 secondo cui il Sottosegretario per le Pari Opportunità Maria Cecilia Guerra sconfessando l'operato dello stesso UNAR ha affermato: «Di questa ricerca ignoravo addirittura l'esistenza»?
2. Forse il direttore dell'UNAR considera falsa diffamante ed aberrante la notizia riportata dagli stessi quotidiani secondo cui il Dipartimento delle Pari opportunità ha emanato «una nota formale di demerito allo stesso direttore dell'UNAR per la diffusione nelle scuole di materiale mai approvato e addirittura mai conosciuto dagli organi competenti a disporne la relativa autorizzazione»?
3. Forse il direttore dell'UNAR considera falsa diffamante ed aberrante la notizia riportata sempre dagli stessi quotidiani secondo cui il Viceministro Guerra ha lamentato «l'abusivo utilizzo del logo della Presidenza del Consiglio - Pari Opportunità» e l'assoluta mancanza di una specifica informazione al riguardo?
4. Forse il direttore dell'UNAR considera false diffamanti ed aberranti le parole pubblicamente espresse dal Sottosegretario Cecilia Guerra secondo cui «una materia così sensibile richiede particolare attenzione ai contenuti e al linguaggio poiché questa attenzione quando si parla a nome delle istituzioni ricade nella responsabilità delle autorità politiche che devono però essere messe nella condizione di esercitarla!» non essendo «accettabile che materiale didattico su questi argomenti sia diffuso tra gli insegnanti da un ufficio del Dipartimento Pari opportunità senza alcun confronto con il Ministero dell'Istruzione della Ricerca e dell'Università»? 5. Forse il direttore dell'UNAR considera falso diffamante ed aberrante il giudizio pubblico espresso da un altro Sottosegretario quello all'Istruzione Gabriele Toccafondi il quale ha dichiarato grave «Il fatto che gli opuscoli sulla diversità siano stati redatti dall'UNAR e diffusi nelle scuole senza l'approvazione del Dipartimento Pari Opportunità da cui dipende e senza che il Ministero dell'Istruzione ne sapesse niente» invitando «chi dirige UNAR a trarne le conseguenze»? Se così fosse De Giorgi avrebbe dovuto rivolgersi direttamente agli onorevoli Cecilia Guerra e Gabriele Toccafondi e non a CitizenGo e La Manif pour tous anche se comprendiamo come nei confronti di questi ultimi sia più facile lanciare minacce.
6. Forse il direttore dell'UNAR considera falso diffamante ed aberrante il contenuto della interpellanza parlamentare inoltrata dai senatori Carlo Giovanardi Maurizio Sacconi Roberto Formigoni Luigi Compagna Federica Chiavaroli e Laura Bianconi sulla vicenda degli opuscoli "Educare alla diversità" in cui è stato censurato il fatto che l'UNAR si fosse «avvalso della collaborazione dell'Istituto Beck il cui sito nella parte che riguarda l'omofobia contiene pesanti giudizi sulla religione cattolica e sul ruolo educativo della Chiesa nella società» e il fatto che «tali giudizi o meglio pregiudizi» fossero stati «inseriti nei tre opuscoli con l'ennesima inaccettabile critica al ruolo educativo della famiglia e della morale cristiana confondendo la lotta all'omofobia con inaccettabili ed offensivi apprezzamenti negativi sul ruolo di istituti fondamentali nella storia e nella cultura del nostro Paese»?
7. Forse il direttore dell'UNAR considera falso diffamante ed aberrante il fatto che nella citata interpellanza sia stato richiesto «per quali motivi l'UNAR avesse scelto come consulente proprio l'Istituto Beck la cui scuola di pensiero è clamorosamente di parte» e «quali iniziative intendesse intraprendere per bloccare la distribuzione di questo materiale nelle scuole»? Beh ma se così fosse perché De Giorgi non se la prende con i senatori Giovanardi Sacconi Formigoni Compagna Chiavaroli e Bianconi anziché minacciare CitizenGo e La Manif pour tous? Domanda ovviamente retorica la cui risposta non necessita spiegazioni ad una mente di media intelligenza.
Il punto invece seriamente inquietante è capire quale idea abbia Marco De Giorgi della libertà ed in particolare della libertà religiosa. Giacché siamo convinti che egli abbia almeno letto gli opuscoli "Educare alla diversità" il cui contenuto rivendica con orgoglio passione e zelo spieghi a noi profani della discriminazione alcuni passaggi che ci risultano alquanto preoccupanti. Mi riferisco in particolare al passo in cui testualmente si afferma che «i tratti caratteriali sociali e culturali come il grado di religiosità costituiscono fattori importanti da tenere in considerazione nel delineare il ritratto di un individuo omofobo» e che «appare evidente come maggiore risulta il grado di cieca credenza nei precetti religiosi maggiore sarà la probabilità che un individuo abbia un'attitudine omofoba». Ci spieghi poi cosa significa che «l'omofobia continua a essere rinforzata nell'interazione quotidiana con altri individui omofobi nella ricezione costante di messaggi omofobi subliminali o espliciti da parte di istituzioni o e organizzazioni religiose». Ci spieghi ancora il significato di questa precisazione contenuta nei libretti: «Per essere più chiari vi è un modello omofobo di tipo religioso che considera l'omosessualità un peccato». E ci dica se lui è davvero personalmente convinto di dover condannare il catechismo della Chiesa cattolica sostenendo quanto scritto negli opuscoli ovvero che «un pregiudizio diffuso nei paesi di natura fortemente religiosa secondo cui il sesso vada fatto solo per avere bambini» può determinare la considerazione omofoba per cui «tutte le altre forme di sesso non finalizzate alla procreazione sono da ritenersi sbagliate». Se questa è l'idea di omofobia che ha il direttore dell'UNAR c'è davvero di che essere allarmati. Soprattutto nella malaugurata ipotesi in cui attraverso l'approvazione del disegno di legge Scalfarotto attualmente in discussione al Senato si dovesse estendere agli omofobi l'applicazione della Legge Reale Mancino. Siamo anche molto preoccupati per sua eminenza il cardinale Angelo Bagnasco reo di aver contestato il lavoro di cui De Giorgi va tanto fiero. Nella sua recentissima e magistrale prolusione infatti il porporato ha trovato il coraggio di affermare al punto 6: «In questa logica distorta e ideologica si innesta la recente iniziativa – variamente attribuita – di tre volumetti dal titolo "Educare alla diversità a scuola" che sono approdati nelle scuole italiane destinati alle scuole primarie e alle secondarie di primo e secondo grado. In teoria le tre guide hanno lo scopo di sconfiggere bullismo e discriminazione – cosa giusta – in realtà mirano a "istillare" (è questo il termine usato) nei bambini preconcetti contro la famiglia la genitorialità la fede religiosa la differenza tra padre e madre… parole dolcissime che sembrano oggi non solo fuori corso ma persino imbarazzanti tanto che si tende a eliminarle anche dalle carte. È la lettura ideologica del "genere" – una vera dittatura – che vuole appiattire le diversità omologare tutto fino a trattare l'identità di uomo e donna come pure astrazioni. Viene da chiederci con amarezza se si vuol fare della scuola dei "campi di rieducazione" di "indottrinamento". Ma i genitori hanno ancora il diritto di educare i propri figli oppure sono stati esautorati? Si è chiesto a loro non solo il parere ma anche l'esplicita autorizzazione? I figli non sono materiale da esperimento in mano di nessuno neppure di tecnici o di cosiddetti esperti. I genitori non si facciano intimidire hanno il diritto di reagire con determinazione e chiarezza: non c'è autorità che tenga». Neppure quella dell'UNAR con buona pace di De Giorgi. P.S. Un consiglio sincero anche se non richiesto al Direttore dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale: sia più prudente riflessivo e pacato nelle esternazioni ufficiali soprattutto quando parla a nome dell'ente che rappresenta altrimenti rischia di confermare lo spietato giudizio che un grande giornalista come Piero Ostellino gli ha affibbiato dalle colonne del Corriere della Sera il 4 gennaio 2014 con il noto editoriale intitolato: "Il burocrate ignora il senso del ridicolo".

La rivoluzione sessuale globale. [ usano la clava della legge questi massoni bildenberg per imporre la loro pornocratica teoria del gender! in questo modo gli omosessuali hanno distrutto la democrazia! ] La sociologa tedesca Gabriele Kuby svela i piani di un'agenda globale che cerca di modificare le costituzioni dei paesi le istituzioni educative e le consuetudini dei cittadini. Il blog di Costanza Miriano. 25.11.2013 // STAMPA di Antonio Malo (*) L'autrice del libro La rivoluzione sessuale globale (Die globale sexuelle Revolution) la sociologa e pubblicista tedesca Gabriele Kuby è una delle poche voci che con autorità riconosciuta si levano per criticare il relativismo occidentale odierno. A lei si deve ad esempio che il ministro federale della famiglia in Germania Ursula von der Leyen sia stata obbligata a togliere dalla circolazione il libro di educazione sessuale Corpo amore il gioco del dottore in cui fra altre aberrazioni si invita ai genitori a giocare sessualmente con i loro bambini. Il saggio di cui mi occupo riprende alcuni temi di due delle sue opere precedenti: Gender Revolution. Il relativismo in azion (Cantagalli 2008) e Statalizzazione dell'educazione. Sulla via per diventare uomini nuovi (2007). Adesso però la sua denuncia acquista una portata universale. Da qui il titolo del libro La rivoluzione sessuale globale; una rivoluzione che come indica il sottotitolo (Distruzione della libertà nel nome della libertà) pretende di cambiare radicalmente le persone e la società facendo leva su una volontà di potenza di chiara ispirazione nietzschiana. A partire da questa chiave interpretativa Kuby riesce a raccontare la storia i metodi e le conseguenze di un'agenda globale potentissima che cerca di modificare le costituzioni dei paesi le istituzioni educative e le consuetudini dei cittadini con un solo scopo: la costruzione di una società globale in cui le persone siano poche e completamente manipolabili.
A qualcuno potrebbe venire in mente il pensiero: "Ecco un altro libro sui complotti". Basta però guardare alla quantità di documenti analizzati ai fatti e alle statistiche raccolte per capire di trovarci di fronte a un libro rigoroso e oggettivo. Nonostante la mole di materiale la lettura del libro lungi dall'essere noiosa diventa pagina dopo pagina piena di suspense e di rivelazioni sorprendenti. Il lettore viene informato del retroscena i mezzi e la ragnatela di organizzazioni governative e non governative implicate nella messa in pratica di questa agenda globale. Nel contempo gli si offrono le categorie antropologiche e sociologiche necessarie perché questi possa fare le valutazioni pertinenti con cui prendere decisioni.
Nella prima parte del libro (capitoli 1-4) l'autrice presenta brevemente l'origine storica dell'attuale rivoluzione sessuale. Dopo aver segnalato la rivoluzione francese come punto di inizio storico della lotta per raggiungere l'uguaglianza indica il movimento femminista del 68 come tappa precedente all'ideologia di genere secondo cui l'umanità non è fatta di uomini e donne bensì di un'informe massa di uguali che hanno il diritto di costruirsi la propria identità sessuale. Il filo rosso che collega il '68 e l'ideologia di genere è secondo l'autrice il maltusianismo cioè il tentativo di diminuire la popolazione mondiale soprattutto i poveri di Occidente e dei paesi in via di sviluppo. Da questo punto di vista sono molto interessanti i ritratti intellettuali di alcune figure di spicco come Margret Sanger Alexandra Kollonti Wilhelm Reich Eddie Bernays Simone de Beauvoir John Money Judith Butler ecc. L'impulso globale della rivoluzione sessuale non procede però solo dalle idee ma soprattutto dalle conferenze organizzate dalle Nazioni Unite (Pechino Il Cairo ecc.) con cui si è tentato di decostruire i diritti umani la sessualità la famiglia. Da lì sono partiti alcuni degli slogan che hanno fatto il giro del mondo come l'aborto è un diritto della donna il "genere" non va imposto ma scelto. Nonostante i secoli trascorsi i metodi della rivoluzione sessuale globale sono gli stessi della vecchia rivoluzione francese: il terrore. Oggi però la ghigliottina non taglia le teste degli oppositori ma "solo" il posto di lavoro la carriera accademica o politica.
Nella seconda parte (capitoli 5-10) Kuby continua la sua analisi degli organismi e dei documenti con cui si tenta di introdurre l'ideologia di genere. Fra questi ultimi concede particolare valore ai 29 principi di Yogiakarta che furono formulati nel 2007 da un gruppo di "famosi esperti" senza autorizzazione né legittimazione in un incontro privato nella capitale indonesiana. Nel marzo dello stesso anno questi principi furono presentati all'opinione pubblica nella sede delle Nazioni Unite a Ginevra. L'Unione Europea li accolse subito e incominciò a imporli alle istituzioni ospedali tribunali… e anche agli asili e alle scuole. Perché come spiega l'autrice in un altro capitolo per distruggere il fondamento della famiglia si deve minare l'unione eterosessuale il che non è facile fra adulti nella stragrande maggioranza eterosessuali. Invece i bambini e gli adolescenti possono essere facilmente plasmati soprattutto se chi occupa il ministero delle politiche familiari condivide quest'ideologia. Come documenta Kuby sempre più spesso nella scuola e nel giardino d'infanzia i bambini vengono sessualizzati con giochi fiabe rappresentazioni teatrali. Essi vengono così derubati dell'innocenza tipica dell'infanzia. Si presenta ai bambini ogni sorta di pratica sessuale deviante come scelta equivalente incoraggiandoli a esperimentarla. Con ciò la loro personalità può subire cambiamenti irreversibili. Inoltre le istanze statali creano strutture per minare attraverso l'educazione sessuale generalizzata e obbligatoria a partire dalla scuola materna il diritto e l'autorità dei genitori. Nell'implementazione dell'ideologia di genere gioca anche un ruolo decisivo la violenza linguistica e la pornografia definita dall'autrice la nuova piaga globale. Mediante la creazione di neologismi come "gender" la sostituzione di parole come genitore A (padre) e genitore B (madre) e l'attacco al linguaggio non solo si corrompono le parole ma si dà origine a "nuove realtà" poiché — come hanno sempre pensato gli ideologi di ogni tempo – "non è la verità a farci liberi ma la libertà a fare la verità".
Nell'ultima parte del libro (capitoli 11-15) Kuby analizza le armi che il nuovo totalitarismo usa per combattere i ribelli: l'intolleranza e la discriminazione. In questo modo l'autrice sottolinea il paradosso già accennato nel sottotitolo di cercar di togliere la libertà nel nome della libertà. Di fronte a questa dittatura relativista che strumentalizza la sessualità per imporre una nuova concezione della persona l'autrice consiglia di formare la propria coscienza sulla scia della verità. Come antidoto alle derive dell'ideologia di genere propone di educare non alla sessualità ma all'amore. Come scrive Spaemann nella prefazione si deve ringraziare l'autrice per il coraggio di andare controcorrente offrendoci un saggio che illumina ciò che si nasconde sotto i cambiamenti linguistici le mode pedagogiche e accademiche che ad un primo sguardo sembrerebbero solo una bizzarria quando in realtà sono strumenti di una volontà di potenza impegnata alla costruzione di una nuova umanità. Penso perciò che questo libro meriterebbe di essere tradotto nelle principali lingue. A questo scopo mi permetto di dare due suggerimenti all'autrice. In primo luogo di rivedere i capitoli dell'ultima parte per darle più unità togliendo ripetizioni; in secondo luogo di distinguere fra almeno due tipi di femminismo: quello che ha lottato e continua a farlo per il riconoscimento dei diritti politici e sociali delle donne cioè per l'uguaglianza della donna come persona e quello invece radicale che scimmiotta una sessualità maschile degenere per la quale il sesso si riduce ad un uso della genitalità senza responsabilità. In questo modo apparirà con più chiarezza ciò che costituisce il genio femminile la donazione la cui rivendicazione lungi dall'essere un ostacolo all'amore ne è la premessa. (*) Antonio Malo è Professore Ordinario di Antropologia nella Pontificia Università della Santa Croce
Fonte: Family and Media sources: Il blog di Costanza Miriano

usano la clava della legge questi massoni bildenberg per imporre la loro pornocratica teoria del gender!
Gli equivoci del "gender". In che cosa consiste una cultura cristiana dell'identità di genere? Come la fede cristiana fa discernere e vivere concretamente nel quotidiano la verità dell'essere uomo e donna?
Vinonuovo.it 27.03.2014©Nata Sdobnikova. di Christian Albini
Uno spettro si aggira per la chiesa cattolica il gender.
Vescovi teologi mezzi di comunicazione sembrano gareggiare nel denunciare il pericolo che viene dalla teoria del gender la quale vorrebbe cancellare la differenza tra uomo e donna e con essa distruggere matrimonio famiglia e ruoli genitoriali.
Il gender appare come la nuova eresia che ha conquistato politici e intellettuali assediando la chiesa e il diritto naturale in nome del matrimonio gay. Dalla legge contro l'omofobia ai registri delle coppie di fatto all'educazione sessuale nelle scuole tutto sembra guidato da un grande complotto gender portato avanti dal movimento LGBT come se fosse una sorta di Spectre potente e ramificata. Questa narrazione è molto diffusa nel discorso pubblico cattolico. Evoca un pericolo e un nemico contro cui vigilare e mobilitarsi.
Il fatto è che forse le cose non stanno proprio così.
Cominciamo dal "nemico". Si parla ormai della teoria gender come alcuni decenni fa si parlava del comunismo. Ma dove sono i Marx e i Lenin del gender? Quali sono il Manifesto e il Capitale di questa ideologia? Come si chiama e dove ha sede il suo partito? Da nessuna parte in tutti i testi e discorsi cattolici sul gender si trova una risposta a queste domande perché in realtà "la" teoria del gender semplicemente non esiste.
Vent'anni fa quando frequentavo l'università nei miei corsi m'imbattei negli "studi di genere" (gender studies nel mondo accademico anglosassone) una denominazione che raccoglie ricerche filosofiche sociologiche e psicologiche che studiavano il femminile e successivamente il maschile. Queste riflessioni nascevano dalla presa di consapevolezza che l'immagine della donna e il suo posto nella società erano determinati da una cultura a predominanza maschile la quale perpetuava un'idea d'inferiorità e una pratica di subordinazione della donna.
L'obiettivo era la comprensione dell'identità e della differenza femminile nella misura in cui non dipendono dal dato biologico ma da un'elaborazione simbolica e culturale. Un esempio banale e immediato è l'idea per lungo tempo universalmente accettata dell'inferiorità intellettuale della donna escludendola così dalla vita politica e dagli studi. Sulla stessa linea i gender studies hanno inevitabilmente cominciato a occuparsi delle omosessualità le quali sollevano questioni particolari.
Il punto è che le teorie formulate in proposito sono tante e molto diverse. Le rappresentazioni a cui ho accennato sono perciò forzature arbitrarie perché non rispecchiano la realtà. Solo le teorie più radicali postulano un'insignificanza della differenza biologica e più a monte antropologica con i rischi di destabilizzazione sociale e di disintegrazione dell'identità dell'umano denunciati dal magistero. È un fraintendimento che chiude la porta nel mondo cattolico a un confronto sereno perché tante questioni e prospettive sono accomunate indebitamente sotto l'etichetta dispregiativa del gender. Così si butta via con l'acqua sporca il bambino di un patrimonio di pensiero che aiuta a riconoscere e valorizzare pienamente nella società ma anche nella chiesa le ricchezze del maschile e del femminile. Vuol dire non riuscire comprendere fino in fondo l'immagine di Dio nel "maschio e femmina li creò" di Genesi.
Se non sappiamo pensare il femminile al di là di costumi e rappresentazioni stereotipate per esempio come comprendere l'esercizio della maternità nell'economica nella politica nella scienza al di là dell'atto di generare fisicamente i figli? E lo stesso vale per il maschile. E oltre la maternità e la paternità? Dieci anni fa Franco Giulio Brambilla oggi vescovo di Novara denunciava un ritardo nell'antropologia cristiana: tra l'identità profonda e la sua realizzazione sta la cultura cioè gli usi e costumi che strutturano la coscienza e le relazioni. In che cosa consiste una cultura cristiana dell'identità di genere? In altre parole come la fede cristiana fa discernere e vivere concretamente nel quotidiano la verità dell'essere uomo e donna? Certo questo vuol dire rompere relazioni di potere che fa comodo mantenere. Pensiamo alla discussione sulle donne nelle liste elettorali...
Lo sa bene papa Francesco quando pone il problema dell'accesso delle donne a ruoli decisionali nella chiesa (cfr. Evangelii gaudium 104). Lo sanno anche meglio tante teologhe religiose e laiche che ben conoscono questi temi e la cui voce trova ancora poco spazio.
Tra loro ricordo Serena Noceti vice presidente dell'Associazione Teologica Italiana che ha da poco pubblicato un interessante testo «Sex gender system: una prospettiva?» (in AA.VV. Avendo qualcosa da dire. Teologhe e teologi rileggono il Vaticano II Paoline 2014) che aiuta a farsi idee più precise. Richiamo solo due passaggi.
«La domanda sull'identità di uomini e donne si colloca al crocevia tra natura e cultura senza riduzioni indebite e insostenibili al solo dato della differenza biologica e genetica senza restringimenti a letture statiche dei "ruoli sociali"». Ciò significa smascherare false idee di natura risalenti a una filosofia essenzialista e astorica che legittimano la marginalizzazione femminile anche in ambito religioso. Infatti nei documenti della chiesa «il soggetto umano è presentato in modo apparentemente neutro. Oggi siamo più avvertiti del fatto che in realtà ogni theoria antropologica occidentale nasce e si sviluppa intorno a un codice androcentrico intorno a un maschile universalizzato e dichiarato neutro. La prospettiva di gender permette di decodificare l'implicito di criticare i concetti falsamente universali di persona individuo soggetto ecclesiale di svelare i meccanismi simbolici del maschile e del femminile nella liturgia nel dire Dio e l'uomo nel pensare la rivelazione e la storia della salvezza nel definire la Chiesa (ad esempio le metafore femminili di sposa e madre)».

Pakistan: cristiano condannato a morte per blasfemia
L'uomo si è dichiarato innocente sostenendo che è stato incastrato per una disputa tra amici. 27.03.2014
Nuovo caso di un cristiano condannato a morte per blasfemia in Pakistan dove la il 97% della popolazione e' musulmana. Insulti a Maometto. Sawan Masih è stato condannato per aver "insultato il Profeta Maometto" (reato punibile con la morte in Pakistan) durante quella che aveva descritto come una conversazione con amici musulmani in un sobborgo di Lahore Joseph Colony a marzo dello scorso anno. Episodio che innescò violente manifestazioni ma senza causare vittime.
False accuse?
Naeem Shakir uno dei legali di Masih ha reso noto che "il giudice ha comminato la pena capitale per lui" contro la quela "ci appelleremo all'Alta Corte di Lahore". L'uomo si è dichiarato innocente sostenendo che è stato incastrato con l'accusa di blasfemia per quella che era in realtà una disputa per la proprietà di un edifico con i suoi 'amici'.
Un rapporto del dipartimento di Stato Usa ha rivelato come il Pakistan sia il Paese che usa di più al mondo la legge contro la blasfemia: sono 14 i condannati nel braccio della morte e 19 stanno scontando l'ergastolo per lo stesso reato.
Nel Paese vige una moratorio de facto sulle impiccagioni dal 2008. L'unica eccezione è stato un soldato giustiziato su ordine della corte marziale.
sources: Agi

[ Obama -- io conosco i tuoi pensieri di annientamento della LEGA ARABA e di Israele ma io non riuscirò mai ad essere il tuo amico finché il sistema massonico che ha rubato la nostra sovranità monetaria non sarà stato distrutto.. ma ovviamente questo non mi impedisce di sostenere tutte le iniziative valide! come di: uccidere gli islamici che sono una minaccia così esplicita contro il genere umano ucciderli è più che giusto.. ma questo devono sapere tutti in tutto il mondo: è stato Rothschild che ha voluto trasformare i musulmani in islamici perché lui ha bisogno di stritolare i popoli! perché Rothschild è il vero padre del satanismo ] Saudi mistrust overshadows Obama's visit to kingdom. US approach to Iran Syria continues to fuel tensions in decades-long alliance as president arrives Friday By ASSAD ABBOUD ..

youtube -- TheVArious7 2 giorni fa. WHERE IS UNIUS REI WHEN YOU NEED HIM [answer ] chi ha cancellato le mie risposte a quel satanista napoletano?

Benjamin Netanyahu --- indovina tu un poco chi sta soffrendo adesso? i Rothschilds Spa si stanno lamentando più che non gli islamici! .. sono loro il più alto livello di criminalità del pianeta!

[ LEGA ARABA -- voi avete stancato! voi siete degli spietati assassini seriali voi guardate alla ingiustizia solo quando questa è contro di voi voi filtrate il moscerino e poi inghiottite il cammello cioè voi fate genocidi sharia in tutto il mondo e non riconoscete la libertà di coscienza e quindi non riconoscete la libertà di religione a nessuno sotto egida ONU. ed anche siete nazisti razzisti! [ se voi non riconoscete a tutti gli ebrei del mondo la possibilità di avere una Patria poi è arrivato per voi il momento di morire! da me? non potrete ricevere niente! ] Rajoub called the Israeli move a "slap in the face of the US administration and its efforts" and said the Palestinians would resume their international diplomatic offensive.
 bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla
"Not releasing the prisoners will mark the beginning of the efforts in the international community to challenge the legality of the occupation" he said.
 bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla
The talks have been teetering on the brink of collapse with Washington fighting an uphill battle to get the two sides to agree to a framework for continued negotiations until the end of the year.
 bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla
US Secretary of State John Kerry met Palestinian Authority President Mahmoud Abbas in Amman on Wednesday in a bid to salvage the talks with US special envoy Martin Indyk meeting the Palestinian leader in Ramallah on Thursday.

Jezebel II 666 IMF-NWO